News & Events

Si è tenuto il 4 giugno a Bari l’evento finale italiano di presentazione dei risultati del progetto e la cerimonia di premiazione dell’eccellenza dell’imprenditorialità green pugliese

Un partenariato formato da 4 soggetti dall’Italia e dalla Grecia, 10 eventi d’incontro con imprese, associazioni e professionisti, 4 studi sulla green economy, 2 premi dell’eccellenza dell’imprenditorialità green, 1 piattaforma elettronica on line per consentire alle imprese italiane e greche di incontrarsi e fare rete, 6 programmi di formazione per lavoratori qualificati, manager e disoccupati, 4 attività di consulenza per le imprese, 1 memorandum d’intesa.

Sono solo alcuni dei numeri relativi ai risultati raggiunti da Green Business Innovation, il progetto realizzato in partenariato fra Italia e Grecia dall’ARTI – Agenzia Regionale Pugliese per la Tecnologia e l’Innovazione, Tecnopolis Parco Scientifico e Tecnologico, Hellenic Management Association (EEDE) e Università di Patrasso, Dipartimento di ingegneria meccanica e aeronautica, i cui esiti sono stati presentati il 4 giugno a Bari presso il Multicinema Galleria nel corso dell’evento finale italiano di progetto.

Green Business Innovation, iniziato nell’aprile del 2013, ha avuto come obiettivi principali quello di identificare opportunità imprenditoriali innovative in ambito green per le piccole e medie imprese, promuovendo l’adozione di soluzioni innovative green in maniera trasversale a tutti i settori merceologici, e rafforzare la cooperazione tra Grecia e Italia, attraverso lo scambio di soluzioni e tecnologie a vantaggio della risoluzione di problemi comuni.

Il progetto ha previsto che sui due territori oggetto di intervento i partner attivassero alleanze con soggetti istituzionali e imprenditoriali, al fine di costituire un network permanente orientato alla green economy, sostenere concretamente lo sviluppo di nuove imprese innovative portatrici di soluzioni green affiancandole nella loro fase di start up, promuovere scambi di informazioni, di persone, di prodotti e servizi in una logica transfrontaliera.

Per farlo, i partner hanno utilizzato un approccio rivolto sia alla domanda di servizi e prodotti green, rappresentata da imprese interessate a processi di innovazione green, sia all’offerta di soluzioni green proposte da imprese del territorio e si sono serviti di strumenti a supporto dello sviluppo di una rete italo-greca di imprese verdi, quali workshop e business meeting e la piattaforma elettronica, nonché strumenti di rafforzamento delle capacità imprenditoriali, attraverso attività di formazione e consulenza e l’istituzione di un premio di eccellenza dell’imprenditorialità green in Italia e in Grecia.

E proprio quest’ultimo è stato al centro dell’evento finale di Bari, nel cui ambito si è tenuta anche la cerimonia di premiazione dei primi 3 classificati al Green Entrepreneurship Excellence Award, il premio indetto dall’ARTI e conferito alle più innovative proposte di prodotto o servizio nel campo dell’innovazione ecosostenibile, al quale hanno partecipato 20 imprese pugliesi che hanno presentato altrettanti prodotti o servizi nel campo dell’innovazione ecosostenibile, raccolti all’interno di un catalogo in tre lingue, italiano, greco e inglese.

Ad aggiudicarsi il primo premio la Encosys di Montemesola (TA) e il suo SEM (Storage Energy Management), un sistema di accumulo e rigenerazione dell’energia cinetica degli ascensori, che trova applicazione anche nel settore industriale per la gestione dei macchinari: il sistema recupera l’energia di discesa dell’ascensore, che normalmente viene dissipata in calore, per poi restituirla in fase di risalita, consentendo un risparmio di energia, attraverso un’unità elettronica di controllo (inverter) e un accumulatore di energia che può essere applicato anche su ascensori già esistenti. In occasione della cerimonia, sono stati proiettati il video spot e il video istituzionale del prodotto vincitore, entrambi realizzati da operatori professionali, messi in palio dal premio.

Al terzo posto si è classificato l’appendiabiti in cellulosa della Mainetti di Martina Franca (TA). Si tratta di una gruccia in polpa di cellulosa, eco-compatibile, altamente innovativa e realizzata assemblando cinque componenti: la parte esterna, che risponde ai requisiti estetici, superficiali e di vestibilità ed alle esigenze di personalizzazione delle case di moda; la parte interna, che soddisfa i requisiti meccanici del prodotto e che permette l'inserimento dell’asta porta-pantaloni; l’asta porta-pantalone, realizzata in tubo di cartone; un gancio metallico standard; il pin metallico per il bloccaggio del gancio.

Sul secondo gradino del podio, invece, si colloca il QB (Quanto Basta) della leccese Innovaction, un dispositivo brevettato a livello europeo che permette di regolare a piacimento la quantità d’acqua da utilizzare per lo scarico del WC e risparmiarne fino all'85%: il modello s’installa sugli scarichi di vecchia generazione (modello Catis) con la vaschetta in ceramica alta e il bottone in acciaio in cui non è possibile regolare il flusso dell’acqua, per renderli ecologici ed economici.

L’evento finale è stato inoltre anche l’occasione per approfondire la nuova programmazione 2014 - 2020 del Programma CBC Grecia Italia, finanziato nell’ambito dell’Obiettivo Cooperazione Territoriale della Politica di Coesione e volto a rafforzare la competitività e la coesione territoriale tra i territori coinvolti, attraverso uno sviluppo sostenibile e la valorizzazione delle loro potenzialità, nonché presentare soluzioni innovative e buone pratiche nell’ambito green realizzate in Puglia e dimostrare con esempi concreti i vantaggi della green economy, attraverso le voci di alcuni dei beneficiari.

Hanno preso parte all’evento Dimitris Karavatos del Segretariato Tecnico Congiunto del Programma di Cooperazione di Cooperazione Territoriale Europea Grecia-Italia 2007-2013, Bernardo Notarangelo, dirigente del Servizio Mediterraneo della Regione Puglia e referente per l’attuazione nazionale del Programma CBC Grecia Italia 2007-2013, Carlo Gadaleta Caldarola dell’ARTI, Vasiliki Rigatou dell’Università di Patrasso, Annamaria Annichiarico di Tecnopolis e CaterinaDogaki, dell’EEDE - Hellenic Management Association, nonché alcuni beneficiari del progetto sulle attività seminariali e di consulenza aziendale svolte.

Il prossimo appuntamento è a Patrasso il 18 giugno con l’evento finale greco di progetto.

Il progetto Green Businees Innovation è cofinanziato dall’Unione Europea - Fondo per lo Sviluppo Regionale (FESR) all’interno del Programma di Cooperazione Territoriale Europea Grecia-Italia 2007-2013 e da fondi nazionali di Grecia e Italia.

Tutte le informazioni sul progetto Green Business Innovation sono disponibili sul sito www.greenbusinessinnovation.eu.

 

Valenzano, 8 giugno 2015

Servizio Comunicazione ARTI

Tel. +39 080 4670408 – Fax +39 080 4670633

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.arti.puglia.it

facebook.com/artipuglia - twitter.com/artipuglia - youtube.com/artipuglia

Il 4 giugno a Bari l’evento di presentazione dei risultati del progetto che mira a sviluppare l’imprenditorialità innovativa green in Puglia e in Grecia

Sviluppare l’imprenditorialità innovativa, promuovendo l’adozione di soluzioni innovative in direzione green, e rafforzare la cooperazione tra Grecia e Italia, attraverso lo scambio di soluzioni e tecnologie a vantaggio della risoluzione di problemi comuni.

Sono queste le principali finalità di Green Business Innovation, il progetto transnazionale del quale verranno illustrati i principali esiti a Bari giovedì 4 giugno (ore 09.00 - 12.30) nel corso dell’evento finale italiano di progetto, organizzato dall’ARTI - Agenzia Regionale per la Tecnologia e l’Innovazione della Puglia.

L’iniziativa costituisce l’occasione per presentare soluzioni innovative e buone pratiche nell’ambito green realizzate in Puglia e dimostrare con esempi concreti i vantaggi della green economy, attraverso le testimonianze di alcuni dei beneficiari.

A seguito dei saluti istituzionali di Carlo Gadaleta Caldarola dell’ARTI, CaterinaDogaki, dell’EEDE - Hellenic Management Association, Vasiliki Rigatou dell’Università di Patrasso, Annamaria Annichiarico diTecnopolis, Dimitris Karavatos del Segretariato Tecnico Congiunto e Bernardo Notarangelo – dirigente del Servizio Mediterraneo della Regione Puglia, verranno presentati i risultati del progetto attraverso un video riassuntivo delle principali attività realizzate e attraverso le testimonianze portate da alcuni dei beneficiari del progetto sulle attività seminariali e di consulenza aziendale svolte.

Successivamente sarà la volta della premiazione dei primi tre classificati al premio di eccellenza dell’imprenditorialità green “Green Entrepreneurship Excellence Award”, istituito dall’ARTI e conferito alla più innovativa proposta di prodotto o servizio nel campo dell’innovazione ecosostenibile.

Il premio di eccellenza era rivolto alle piccole e medie imprese pugliesi con l’obiettivo di dare visibilità alle buone pratiche e ai progetti sostenibili da un punto di vista ambientale e ha visto la partecipazione di 20 imprese locali che hanno presentato altrettanti prodotti o servizi nel campo dell’innovazione ecosostenibile. Sarà premiata la Encosys di Montemesola (TA) e il suo SEM (Storage Energy Management), un sistema di accumulo e rigenerazione dell’energia cinetica degli ascensori, che trova applicazione anche nel settore industriale per la gestione dei macchinari. In occasione della cerimonia, verranno proiettati il video spot e il video istituzionale del prodotto vincitore, entrambi realizzati da operatori professionali messi in palio dal premio.

Al termine dell’evento, verrà inoltre consegnato il catalogo che raccoglie le descrizioni dei 20 prodotti o servizi nel campo dell’innovazione ecosostenibile che hanno partecipato al “Green Entrepreneurship Excellence Award” e dei video realizzati durante le attività seminariali.

Sviluppato in partenariato fra Grecia e Italia, Green Business Innovation ha previsto che sui due territori oggetto di intervento i partner attivassero alleanze con soggetti istituzionali e imprenditoriali, al fine di costituire un network permanente orientato alla green economy, sostenere concretamente lo sviluppo di nuove imprese innovative portatrici di soluzioni green affiancandole nella loro fase di start up, promuovere scambi di informazioni, di persone, di prodotti e servizi in una logica transfrontaliera.

Il progetto, che ha avuto inizio nell’aprile del 2013, è cofinanziato dall’Unione Europea - Fondo per lo Sviluppo Regionale (FESR) all’interno del Programma di Cooperazione Territoriale Europea Grecia-Italia 2007-2013 e da fondi nazionali di Grecia e Italia ed è realizzato da una partnership composta da Hellenic Management Association (EEDE), capofila; Università di Patrasso, Dipartimento di ingegneria meccanica e aeronautica; Tecnopolis Parco Scientifico e Tecnologico; ARTI - Agenzia Regionale per la Tecnologia e l’Innovazione della Puglia.

Per il progetto Green Business Innovation, l’Agenzia ha fornito il proprio contributo nella realizzazione di tutte le azioni previste, occupandosi in particolare dell’organizzazione di due eventi (Open Day “Innovazione Imprenditoriale Verde” e Business meeting “Quali opportunità per le PMI”), della redazione dell’analisi dello stato dell’arte in Italia e Grecia “Green Business Innovation in the cross-border area”, dell’istituzione del Green Entrepreneurship Excellence Award, della realizzazione di 14 consulenze aziendali in materia di eco-innovazione, eco-design e green packaging e dell’organizzazione di 3 moduli seminariali che hanno coinvolto oltre 70 partecipanti. Particolare interesse hanno riscosso questi ultimi, realizzati al fine di migliorare le competenze dei partecipanti in tre macrotematiche: eco-innovazione volta alla riduzione di consumi energetici; eco-design applicato ai beni prodotti dalle PMI pugliesi, volto a favorire studi ed approcci che aiutino a progettare beni che utilizzino risorse, materiali e processi produttivi rinnovabili, con un minor impatto nell’ambiente naturale; green packaging attraverso interventi diretti a progettare e realizzare imballaggi ecocompatibili ed ecosostenibili.


Servizio Comunicazione ARTI

Tel. +39 080 4670408 – Fax +39 080 4670633

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.arti.puglia.it

facebook.com/artipuglia - twitter.com/artipuglia - youtube.com/artipuglia

L’Hellenic Management Association “ nel ambito del progetto di " Sviluppo di imprenditorialità innovative attraverso la green economy e formazione delle risorse umane nell’ambito green nell’area transfrontaliera” del titolo abbreviato “Green Business Innovation” organizza un incontro di partenariato fra le aziende con l'obiettivo di sviluppare cooperazioni tra le imprese greche e italiane che operano nei settori della produzione, commercio e servizi nell'area transfrontaliera del programma (Regione della Grecia Occidentale, Epiro, Isole ionie, e la Regione Puglia per l'italia

L'obiettivo specifico di questo evento è' quello di sviluppare la competitività, promuovere i prodotti/servizi e favorire l’esternalizzazione delle imprese partecipanti in questo incontro.

L'evento si terrà il 20 maggio 2015 a Patrasso presso l’hotel Astir Patras (da 9.00 alle 18.00).

Gli interessati a partecipare possono chiedere ulteriori informazioni al numero telefonico 2610 318573 da lunedì a venerdì dalle 10.00 alle 17.00. Responsabile sig.ra Erofili Nomikou.

L'organizzazione dell'incontro "Partenariat" e il progetto "Green Business Innovation" sono finanziati dal programma di cooperazione territoriale Grecia-Italia 2007-2013  

Il sistema di accumulo e rigenerazione dell’energia cinetica degli ascensori dell’azienda di Montemesola vince il premio messo in palio dall’ARTI nell’ambito del progetto Green Business Innovation

Encosys, azienda di Montemesola (TA) che opera nel settore ambientale e delle energie rinnovabili, si è aggiudicata il Green Entrepreneurship Excellence Award, il premio istituito dall’ARTI – Agenzia Regionale per la Tecnologia e l’Innovazione e conferito alla più innovativa proposta di prodotto o servizio nel campo dell’innovazione ecosostenibile.

Organizzato nell’ambito del progetto europeo Green Business Innovation, il premio di eccellenza era rivolto alle piccole e medie imprese pugliesi con l’obiettivo di dare visibilità alle buone pratiche e ai progetti sostenibili, nonché segnalare iniziative imprenditoriali innovative pugliesi in Grecia e dimostrare con esempi concreti i vantaggi della green economy.

Tra le 20 imprese che si sono candidate, la commissione ha scelto di premiare la Encosys e il suo SEM (Storage Energy Management), un sistema di accumulo e rigenerazione dell’energia cinetica degli ascensori, che trova applicazione anche nel settore industriale per la gestione dei macchinari.

Il sistema si compone di un’unità elettronica di controllo (inverter) e un accumulatore di energia. SEM recupera l’energia di discesa dell’ascensore, che normalmente viene dissipata in calore, per poi restituirla in fase di risalita, consentendo un risparmio di energia fino al 60%. Inoltre, il sistema riduce la potenza di funzionamento dell’ascensore da 15 a 3 Kw e annulla gli inconvenienti di un eventuale black out energetico, poiché grazie a SEM l’ascensore non si ferma ma completa la corsa in tutta sicurezza. Dotato di collegamento WiFi per la visualizzazione, programmazione e controllo a distanza, SEM può essere alimentato sia in monofase che in trifase, sia a 230V che a 400V, a 50Hz così come a 60Hz senza pregiudicare il funzionamento verso il carico.

In occasione della cerimonia di premiazione, in programma a giugno 2015, la Encosys sarà premiata con un video spot e un video istituzionale professionale del prodotto vincitore, messo in palio dall’ARTI.

Tra le altre attività promosse dall’ARTI nell’ambito del progetto Green Business Innovation, hanno riscosso molto successo i seminari green, organizzati al fine di migliorare le competenze dei partecipanti in tre macrotematiche: eco-innovazione volta alla riduzione di consumi energetici; eco-design applicato ai beni prodotti dalle piccole e medie imprese pugliesi, volto a favorire studi ed approcci che aiutino a progettare beni che utilizzino risorse, materiali e processi produttivi rinnovabili, con un minor impatto nell’ambiente naturale; green packaging attraverso interventi diretti a progettare e realizzare imballaggi ecocompatibili ed ecosostenibili.

Oltre 50 tra professionisti, imprenditori, rappresentanti delle pubbliche amministrazioni e appassionati hanno partecipato gratuitamente ai seminari di Archeoluoghi sull’utilizzo di tecniche edilizie ecocompatibili e ECO-Logica sul green building e le certificazioni ambientali. È in corso, invece, l’ultimo dei tre seminari: “Less is More: il packaging a basso impatto, organizzato da CaruccieChiurazzi fino al 10 aprile a Bari presso Confindustria Bari BAT e Officina degli Esordi. Il seminario si articola in 2 incontri, una visita ad un’azienda di packaging e un laboratorio di eco-design. Il programma completo è disponibile sui siti degli organizzatori, www.carucciechiurazzi.com e www.arti.puglia.it.

Green Business Innovation, di cui l’ARTI è partner, è un progetto cofinanziato dall’Unione Europea – Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale all’interno del Programma di Cooperazione Territoriale Europea Grecia-Italia 2007-2013 e da fondi nazionali di Grecia e Italia.

Il progetto mira a sviluppare l’imprenditorialità innovativa, promuovendo la consapevolezza, la ricerca e l’adozione di soluzioni innovative in direzione green e punta inoltre al rafforzamento della cooperazione tra istituzioni e imprese dei due Paesi e al trasferimento tecnologico tra le aree transfrontaliere, inteso come scambio di soluzioni e tecnologie a vantaggio della risoluzione di problemi comuni.

Costruire sostenibile: uso di materiali naturali- racconto di una esperienza maturata nell’ambito delle attività di consulenze organizzate dall’ARTI previste dal progetto Green Business Innovation

https://www.youtube.com/watch?v=cFMdDBFvJDE&feature=youtu.be

Si tiene nelle giornate di sabato 28 febbraio, domenica 1 marzo, sabato 7 e domenica 8 marzo a Corato (BA) presso la Masseria Cimadomo un ciclo di seminari e workshop sull’utilizzo di tecniche edilizie ecocompatibili, dal titolo “Trasformazione costruttiva: tradizione e innovazione in bioarchitettura”.

Uso di materiali naturali, tradizione edile artigiana e principi di bioarchitettura sono al centro delle giornate formative, attraverso le esperienze di Maria Gabriella De Sario (esperto procedure VIA-VAS), Hermann Meyer (esperto in costruzioni e intonaci in terra cruda), Marzo Fantuzzi (esperto di estrazione dei colori naturali).

Si tratta della prima delle attività seminariali nella green economy realizzate attraverso il progetto Green Business Innovation, di cui l’ARTI è partner, volte a migliorare le competenze dei partecipanti in tre macrotematiche: eco-innovazione volta alla riduzione di consumi energetici; eco-design applicato ai beni prodotti dalle PMI pugliesi, volto a favorire studi ed approcci che aiutino a progettare beni che utilizzino risorse, materiali e processi produttivi rinnovabili, con un minor impatto nell’ambiente naturale; green packaging attraverso interventi diretti a progettare e realizzare imballaggi ecocompatibili ed ecosostenibili.

Le attività seminariali sono state individuate attraverso un invito a presentare manifestazioni d’interesse e realizzate dall’ARTI in collaborazione con gli stessi destinatari e su loro richiesta e impulso.

Il ciclo di seminari “Trasformazione costruttiva: tradizione e innovazione in bioarchitettura” è a cura di Archeoluoghi - laboratorio di archeologia sperimentale e la partecipazione a tutte le giornate formative è gratuita previa prenotazione obbligatoria, scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

Il progetto Green Business Innovation (Developing innovative entrepreneurship through green economy applications and human resource training on green jobs in the cross-border area) è cofinanziato dall’Unione Europea – Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale all’interno del Programma di Cooperazione Territoriale Europea Grecia-Italia 2007-2013 e da fondi nazionali di Grecia e Italia.

Ulteriori informazioni sono disponibili su www.greenbusinessinnovation.eu

Nelle giornate di martedì 31 marzo, mercoledì 1 aprile, giovedì 9 e venerdì 10 aprile si tiene l’ultimo ciclo di seminari gratuiti, dal titolo “Less is more: il packaging a basso impatto”, organizzato da Caruccie&Chiurazzi e l‘ARTI, nell’ambito del progetto Green Business Innovation.

Il green marketing e il green branding sono ormai leve irrinunciabili per conquistare i clienti: in questo contesto il packaging a basso impatto si pone come una sfida per le imprese che vogliono innovare processi produttivi e distributivi per ottenere un posizionamento distintivo e differenziante.

L’attività seminariale ha l’obiettivo di offrire alle imprese che devono confezionare i loro prodotti, gli strumenti per lo sviluppo di imballaggi che tengano conto del minore impatto ambientale possibile nel rispetto dei vincoli e delle norme.

Il programma si articola in 2 seminari, una visita ad un’azienda di packaging e un laboratorio di eco-design. Gli incontri hanno luogo presso Confindustria Bari BAT e Officina degli Esordi dalle 9,30 alle 15,30.

Il progetto Green Business Innovation (Developing innovative entrepreneurship through green economy applications and human resource training on green jobs in the cross-border area) è cofinanziato dall’Unione Europea – Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale all’interno del Programma di Cooperazione Territoriale Europea Grecia-Italia 2007-2013 e da fondi nazionali di Grecia e Italia.

Lunedi 3 marzo, ECO-logica organizza presso la propria sede (Corso Alcide De Gasperi 258, Bari) il seminario “Introduzione al Green Building e i sistemi di certificazione energetico-ambientale LEED/GBC”.

Realizzato attraverso il progetto Green Business Innovation, di cui l’ARTI è partner, il seminario prevede 5 incontri di 4 ore ciascuno tutti i lunedì del mese di marzo.

Obiettivo del seminario è fornire a costruttori, tecnici, professionisti dell’edilizia, agronomi e produttori di materiali edili le conoscenze di base del green building con riferimento agli standard di misura per la valutazione delle costruzioni ambientalmente sostenibili, oltre che al sistema LEED, il più diffuso sistema di rating per la sostenibilità energetica e ambientale degli edifici.

La partecipazione al seminario è completamente gratuita, previa registrazione via email all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Gli incontri saranno a cura dell’architetto Patrizia Milano, Segretario del Chapter territoriale Puglia del GBC Italia ed esperto LEED.

Green Business Innovation è un progetto finanziato nell’ambito del Programma di cooperazione transfrontaliera, "GRECIA - ITALIA" 2007 -2013, che attraverso i seminari green intende migliorare le competenze dei partecipanti in tre macrotematiche: eco-innovazione volta alla riduzione di consumi energetici; eco-design applicato ai beni prodotti dalle PMI pugliesi, volto a favorire studi ed approcci che aiutino a progettare beni che utilizzino risorse, materiali e processi produttivi rinnovabili, con un minor impatto nell’ambiente naturale; green packaging attraverso interventi diretti a progettare e realizzare imballaggi ecocompatibili ed ecosostenibili.

Il progetto Green Business Innovation (Developing innovative entrepreneurship through green economy applications and human resource training on green jobs in the cross-border area) è cofinanziato dall’Unione Europea – Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale all’interno del Programma di Cooperazione Territoriale Europea Grecia-Italia 2007-2013 e da fondi nazionali di Grecia e Italia.

Ulteriori informazioni sono disponibili su www.greenbusinessinnovation.eu

Pagina 1 di 3

Vai all'inizio della pagina